RIPARTIZIONE FONDI DIRITTO ALLO STUDIO ZONA 2 CONSIGLIO DEL 03.12.2012

Vai all’indicizzazione per: RIPARTIZIONE FONDI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Durante il Consiglio di zona è stata discussa e votata la proposta di Delibera per la ripartizione dei fondi per il diritto allo studio.

L’anno scorso fedeli al nostro PROGRAMMA, e spinti dall’inesperienza, avevamo proposto un emendamento che prevedesse l’elargizione di fondi pubblici, quali, quelli per il diritto allo studio, unicamente alla scuola pubblica, statale o comunale che fosse.

Ciò che, in tale occasione, ci fù risposto e come si pronunciò il Consiglio lo potete leggere voi stessi qui: “SOLDI PUBBLICI ALLA SCUOLA PUBBLICA” .

Memori della passata esperienza e decisi a non arrenderci abbiamo deciso quest’anno di chiedere un aumento sensibile delle percentuali riservate ad alunni stranieri e portatori di handicap, in virtù del fatto che la presenza degli stessi nelle scuole paritarie appare significativamente inferiore, e con la volontà di far confluire risorse economiche negli istituti scolastici che, più predisposti all’accoglienza, affrontano maggiormente la difficoltà della gestione dell’integrazione delle  diversità. (nostra proposta bocciata)

Ci siamo espressi sfavorevolmente all’istituzione di una quota del 10% a progetto ritenendo inopportuno assegnare parte del fondo a progetti a cui non tutte le scuole che ne facessero richiesta potrebbero attingere, essendo limitato a 10 progetti per un totale massimo di 19.000,00 euro  su tutta la zona 2. (nostra proposta bocciata)

Abbiamo chiesto che la durata di tale Delibera fosse biennale per arginare parte del problema del ritardo cronico nell’erogazione dei fondi alle scuole, riconducibile alla programmazione delle convocazioni delle Commissioni Scuola-Educazione chiamate annualmente a deciderne i criteri di assegnazione. (nostra proposta accolta)

Abbiamo chiesto che le spese sostenute dalle scuole attraverso i fondi per il Diritto allo Studio, vengano concordate, oltre che con il collegio dei Docenti anche con il Consiglio di Istituto,nell’intenzione di dare peso al controllo dei genitori/cittadini su come vengono utilizzati i fondi pubblici. (nostra proposta accolta)

Infine abbiamo chiesto che le spese rendicontate giungano tempestivamente al Consiglio di Zona nella Persona del Presidente della Commissione Bilancio o in assenza di tale Commissione al Presidente della Commissione proponente la suddetta delibera. (nostra proposta accolta)

PROPOSTA DI EMENDAMENTI

DELIBERA DEFINITIVA DELIBERATA DAL CONSIGLIO

Segnaliamo che non appare affatto chiaro quale sia la variabile per cui i coefficienti correttivi possano andare nella direzione indicata dall’articolo 3 della Costituzione, che impongono di porre particolare attenzione all’integrazione scolastica delle alunne e degli alunni CNI (Cittadini Non Italiani) e delle alunne e degli alunni con disabilità e DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento).

Prendiamo atto che anche quest’anno non vi è stata volontà da parte del Consiglio di Zona di porre rimedio a leggi sciagurate che sottraggono fondi e risorse alla scuola pubblica, con gli unici mezzi di cui il Consiglio stesso dispone!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...