30.05.2012 PRESENTAZIONE VIGILI DI QUARTIERE IN ZONA 2

Mercoledì  30  Maggio  2012  alle h. 18.00 presso la sede del Consiglio di Zona 2, Viale Zara 100, si è tenuto un incontro pubblico per  presentare  alla  cittadinanza  della  zona  il progetto deiVIGILI DI QUARTIERE ZONA 2: http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/contentlibrary/Per+Saperne/Per+Saperne/Vigili+di+Quartiere/Zona+2/, erano  presenti i responsabili della Polizia Locale di Zona 2 e un vigile per ognuno degli otto quartieri della Zona. Dopo una breve esposizione del Progetto” Vigili di Quartiere”, i cittadini hanno potuto esporre i loro quesiti.

Di seguito l’intervento e le proposte di Marco Cicognini:

Proposte per il risanamento
del degrado commerciale in via Padova

Nello scenario
del commercio in via Padova sono possibili interventi veloci, piccoli ma
significativi, che non comportano sforzi eccessivi da parte
dell’Amministrazione comunale, promuovono un risultato visibile e creano
una rete di collaborazione e di fiducia con i cittadini.

Sicurezza

• Sanzionare il
sovraffollamento di merci nei negozi, le scale usate come deposito/esposizione
(vedi AUMAI), verificare le uscite di sicurezza, la presenza, la collocazione e
la manutenzione degli estintori, nonché il carico antincendio.

• Reprimere il
riciclaggio di oro (ultimamente in zona Palmanova sono stati segnalati numerosi
furti in appartamento, mentre un gruppo di nomadi staziona tra via Carnia,
piazza Tel Aviv, via Bengasi e via Prinetti, frequentando i vari comproro e le
ricevitorie di scommesse). Quest’ultimo comportamento va represso con
decisione: visto l’ottimo progetto del villaggio di via Idro, non dobbiamo
permettere che poche persone rovinino la nomea di chi si sta impegnando.

Decoro

• Proibire che
le vetrine vengano usate come depositi e retro degli scaffali (minimarket
stranieri, soprattutto sul primo tratto di via Padova),

• Sanzionare gli
esercenti e i clienti dei bar che bivaccano sui gradini, consumano alcolici
davanti ai locali, sputano sul marciapiede, schiamazzano ben oltre l’orario di
apertura consentito, tanto sul marciapiede quanto nei cortili condominiali
occupati abusivamente (Bar del Sole, via Padova 143).

• Dissuadere
l’accattonaggio (lavavetri e mendicanti sull’incrocio tra le vie Palmanova e
Cesana/Carnia).

• Aumentare gli
spazi recintati dedicati ai cani e sanzionare soprattutto chi fa sporcare i
giardinetti dei bambini (largo Tel Aviv) e i marciapiedi attorno alle scuole
(via Prinetti, via Russo, via Giacosa).

Regolamenti

• Sanzionare il
consumo di alcolici fuori dai locali e i comportamenti collegati (di notte è
frequente che gli avventori dei bar aperti fino a tardi schiamazzino, si
accapiglino tra loro e urinino sui muri delle case vicine o sulle saracinesche
dei negozi).

• Sanzionare l’occupazione
dei cortili condominiali e il loro uso illecito come fumeria o per consumare
bevande e cibi (Bar del Sole in via Padova 143).

• Richiamare ai
loro compiti (far rispettare il Codice Civile, quello Penale, i regolamenti di
condominio e quelli comunali) gli amministratori di condominio che non
ottemperano al proprio dovere, e prevedere sanzioni nei loro confronti. Moltissimi
amministratori della zona risultano totalmente inerti, incidendo pesantemente
sul degrado complessivo dell’area a partire dai condomini che amministrano
(violenti conflitti, abusi, degrado architettonico, manutenzione inesistente, schiamazzi,
occupazione abusiva di scale, cortili, cantine, seminterrati e sottotetti
ecc.).

• Monitorare
sistematicamente il rispetto degli orari di esercizio, sanzionando le
infrazioni (soprattutto se notturne e recidive) anche col ritiro della licenza.

• Monitorare capillarmente
e sistematicamente il rispetto delle norme d’igiene (cibi e bevande, bagni,
pulizia dei locali e degli spazi esterni di competenza).

• Monitorare e
sanzionare l’utilizzo improprio dei seminterrati, incentivando i laboratori a
norma.

Licenze

• Ridurre la
concessione di licenze a bar senza alcun valore culturale, locali per
scommesse, massaggerie e vendoro, riservando parte dei locali comunali per le
attività commerciali che incentivano il risanamento della zona (librerie, spazi
culturali, negozi a chilometro zero, bio ecc.).

• Ritirare le
licenze e restringere le autorizzazioni sulle richieste di occupazione di
suolo pubblico agli esercizi che sconfinano in atteggiamenti aggressivi e/o
causano situazioni di degrado.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...