CONSIGLIO DI ZONA 2 – CONVOCAZIONE PER MERCOLEDI’ 4 APRILE

CONSIGLIO DI ZONA 2 è convocato in seduta ordinaria

MERCOLEDI’ 4 APRILE 2012 – dalle ore 19.00 alle ore 22.00

ORDINE DEL GIORNO
1) Pareri su permessi di costruire.
2) Pareri su apertura sale giochi.
3) Iscrizione delle associazioni senza fini di lucro e delle cooperative di solidarietà sociale all’Albo
delle Associazioni della Zona 2 – integrazione.
4) Pianificazione delle iniziative culturali e ricreative da realizzarsi in zona 2 nel 2° trimestre 2012
mediante promozione diretta (maap) o sostegno finanziario (contributi) o con procedure ordinarie (bandi). Commissione Sanità e Servizi Sociali.
5) Pianificazione delle iniziative culturali e ricreative da realizzarsi in zona 2 nel 2° trimestre 2012
mediante promozione diretta (maap) o sostegno finanziario (contributi) o con procedure ordinarie (bandi). Commissione Sport e Tempo Libero.
6) Pianificazione delle iniziative culturali e ricreative da realizzarsi in zona 2 nel 2° trimestre 2012
mediante promozione diretta (maap) o sostegno finanziario (contributi) o con procedure ordinarie (bandi). Commissione Cultura.
7) Orari di apertura delle biblioteche di Zona 2.
8) Richiesta patrocinio da parte dell’A.N.P.I. per la pubblicazione di un libro “Quelli che ci salvarono”

9) Richiesta di patrocinio da parte di Legambiente per l’iniziativa “Operazione Martesana 2012”.
10) Richiesta di patrocinio per l’iniziativa “Via Padova è meglio di Milano”.
11) Mozione sull’accessibilità dei mezzi per il trasporto pubblico in Zona 2.
12) Mozione sulle Case dell’Acqua – erogazione al pubblico dell’acqua potabile in alcuni punti decentrati del Servizio Idrico di Milano.
13) Mozione sul prolungamento della tempistica del semaforo che permette l’attraversamento pedonale di viale Stefini lato dispari all’incrocio con via Cagliero.
14) Mozione sulla pubblicazione del Bilancio di Zona 2.
15) Mozione sull’art. 29 del vigente Regolamento del Decentramento Territoriale.
16) Mozione contro la reintroduzione dell’ICI sulla prima casa prevista dal D.L. 6.12.11 n. 201 del Governo Monti (Decreto salva-Italia) convertito in Legge 22 dicembre 2011 n. 214”.
17) Mozione sulla richiesta di cancellazione dell’obbligo di trasferimento delle disponibilità liquide del Comune alla Tesoreria Statale.
18) Mozione di richiesta assegnazione a MilanoRistorazione della fornitura alimentare per il “VII Incontro Mondiale delle Famiglie”.
19) Mozione sulle fermate in via Petrocchi della linea ATM “44” – direzione Turro.
20) Mozione sulla revoca del gemellaggio tra Milano e San Pietroburgo
21) Mozione sulla promozione e tutela della concorrenza nel settore della distribuzione commerciale.
22) Mozione sull’istituzione di una newsletter e di info-point per informare i cittadini delle iniziative finanziate e/o patrocinate dal Consiglio di Zona 2.
23) Mozione sulle gravi situazioni di disagio legate alle numerose avarie delle scale mobili e degli ascensori nella metropolitana milanese

Consiglio di Zona 2 – V.le Zara, 98/100 – 20125 Milano

AMIANTO E INEFFICIENZA UNA MISCELA LETALE

Venerdì 23 marzo sono stato via Marino al 7, per cercare la non meglio specificata, ordinanza del 14 dicembre 2010 da parte del Comune di Milano, nei confronti della Merli S.p.a., per l’amianto in via Asiago, https://zona2m5s.wordpress.com/2012/03/18/pericolo-amianto-in-via-asiago-72/ ,ordinanza che avevo avuto occasione di vedere presso i vigili di via Settala.

Mi era stato dato come riferimento la Sig.ra Sabrina Sarini, dipendente del Comune di Milano che si occupa della Segreteria del Consiglio Comunale, la quale mi ha inviato alla Segreteria Generale, in Piazza Duomo 21 presso gli uffici del Settore Ambiente Ecologia, o Piazza Beccaria 19, al Comando della Polizia Locale Centrale.

Per fortuna, in Duomo ho trovato, tramite indicazioni di una Signora gentilissima, il Sig. Danesi alla stanza n° 10 al IV piano dell’ufficio Ambiente Ecologia, il quale mi ha concesso di prendere visione della pratica di Via Asiago 72, e ho potuto vedere la storia documentata dall’inizio, comprese le autocertificazioni della Merli, e le osservazioni del Comune che chiedeva alla Asl di fare gli accertamenti di verifica delle suddette autocertificazioni che oggettivamente non apparivano essere compatibili con lo stato di fatto.

 

L’ultima richiesta da parte del Settore Ambiente alla Asl è datata 7 marzo 2012, esattamente il giorno prima dell’uscita dell’articolo sul giornale Leggo: http://www.leggo.it/milano/bianca/milano_paura_amianto_ispezioni_lampo_il_comune_rivede_il_protocollo_con_asl/notizie/169623.shtml  ,articolo di denuncia da parte dei cittadini, della situazione Amianto.

Tutto questo ho potuto apprenderlo in 3 ore e mezzo. Per sapere che non era la Sig.ra Zarini a cui mi dovevo rivolgere bensì la Segreteria Generale, ci ho messo 45 minuti grazie all’ impiegato del Comune che ha fatto per 40 minuti telefonate accanto a me, solo quando ho detto che ero consigliere.

 

Questa mattina, martedì 27 marzo, sono andato in via San Sovino, dove c’è un ufficio Asl, per avere informazioni, ma quello è solo un consultorio familiare e un centro vaccinale, allora ha telefonato al sig. Danesi che  mi ha riferito che  mi avrebbe richiamato da lì a poco, dopo essersi informato su quale fosse l’ufficio a cui mi dovevo rivolgere….. ma non l’ho più sentito….

Nel frattempo mi sono recato in via Ricordi e all’ingresso mi hanno subito riferito che lì non esiste un ufficio che si occupi di Amianto, ma che dovevo recarmi in via Statuto 5.

Oramai ero fuori orario per andarci di persona, allora ho telefonato in Via Statuto all’ufficio Igiene Pubblica e ho parlato con la Sig.ra Nola, Segretaria dell’ufficio SPSAL Prevenzione Sicurezza Ambiente di Lavoro, il cui Direttore e’ il Dott. Cattaneo.

La Sig.ra Nola, disorientata, tenta di capire se la cosa riguarda loro oppure la Dott.ssa Tiziana Vai, del Distretto 3 Zona 2, appunto in via Ricordi 1 ……

Riesce però a scoprire che per l’igiene pubblica in zona 2 il responsabile è il Sig. Serpilli ,

e mi fornisce il numero del responsabile del servizio igiene sanità pubblica Dott. Ciconali.

Chiamo, e parlo con la sig.ra Boschetti che mi riferisce che il Dott. Ciconali è in riunione e si libererà di lì a mezz’ora,

mi farà richiamare…

Dopo mezz’ora richiamo il Dott. Ciconali, il quale mi informa che avendo appena preso visione della pratica, sarà compito del Dott. Serpilli, responsabile della pratica, fare il sopralluogo.

 

Telefono al Dott. Serpilli il quale mi riferisce che il sopralluogo non è stato possibile in quanto lo stabile non è accessibile…..( ma i sopralluoghi si fanno a sorpresa presso civici privati abbandonati? Chi avrebbe dovuto aprire, il maggiordomo?)

 

A questo punto scrivo mail al Dott. Ciconali di seguito riportata.

 

“Buon giorno Dott. Ciconali a seguito della telefonata intercorsa con lei questo pomeriggio verso le ore 15.10, nella quale mi comunica che il responsabile della pratica in merito ( Amianto in Via Asiago n°72 ), è il Dott. Serpilli ,  ho contattato il Dott.Serpilli, il quale m’informa che il sopralluogo non è stato possibile poiché il capannone rimane all’interno di un cancello chiuso, mi chiedevo a questo punto quale iter seguirà la pratica, e  quale tempistica sia plausibile per poter pensare ad una risoluzione del problema . Grazie della sua disponibilità telefonica, certo che vorrà esserlo anche via mail, le porgo i miei più cordiali saluti.”

 

A prescindere dall’incredulità che provo nel testimoniare la colpevole inefficienza del servizio pubblico nei confronti di un Consigliere,( figuriamoci se al posto mio ci fosse stato un cittadino disarmato), mi chiedo se esistano delle priorità per i nostri amministratori, e se lo sia quella per la nostra salute, o meglio per la nostra vita,  perché di AMIANTO SI MUORE. Noi siamo in attesa di risposte urgenti, a presto.