Ecco qualche news sulle riprese video

Riprese audio video del consiglio comunale Stampa
viviborgarello.it – 21 luglio 2009

Non pochi lettori si sono chiesti stupiti – e forse anche un pò delusi, specie se fuori sede per le ferie estive – del mancato riscontro-video annunciato sul nostro sito, relativo all’ultimo consiglio comunale dello scorso 16 luglio. Noi c’eravamo, ma privi di attrezzature tecniche, come ci è stato ufficialmente richiesto dalla nuova giunta. Di certo continueremo a garantirvi il servizio online in modo continuativo ed efficiente, offrendo tuttavia d’ora in poi non un filmato autografo, ma un link, allorché disponibile, diretto al sito ufficiale del Comune di Borgarello.

A tale riguardo e al puro scopo di informare la collettività, divulghiamo questo illuminante carteggio, che ci riscatta e ci solleva da ogni presunta responsabilità.

“Al sindaco del
Comune di Tuscania
Rag. Massimo Natali

Oggetto: Riprese audio video del consiglio comunale.

Egregio sindaco del comune di Tuscania, durante la prima seduta del consiglio comunale, lei prima di iniziare i lavori, ha voluto specificare che, non essendo previsto dal regolamento, non si potevano effettuare riprese audio video, vale la pena ricordare che se il regolamento non prevede le riprese, nemmeno le vieta.

Non avendo cognizioni legali sull’argomento, il sottoscritto, Luigi Pica si è rivolto a chi di queste cose se ne intende, per cui ho posto una domanda al prof. Donato Antonio Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di Scienza dell’Amministrazione Digitale, Università della Sapienza, Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Università telematica Telma .

Questa, la domanda che ho posto al prof. Limone:

“Prof. Limone, il sindaco di Tuscania, nella prima seduta del consiglio comunale pubblico, non ha concesso di effettuare le riprese audio-video della seduta consiliare. Che cosa dice la legge a proposito e quali sono eventualmente gli adempimenti che l’operatore deve assolvere per effettuare le registrazioni?”

Questa la risposta del prof. Limone:

La registrazione audio video delle sedute del consiglio comunale e la loro pubblicazione sul sito dell’ente non solo è possibile ma doverosa (nel rispetto del trattamento dei dati sensibili).
La registrazione è possibile in base alle leggi:

* Legge 241/90 (e successive modifiche),art.1: si stabilisce che l’attività amministrativa è retta dai criteri della economicità, pubblicità,efficacia,trasparenza;
* Legge 150/2000(comunicazione pubblica):obbligo delle amministrazioni di informare i cittadini sulle attività delle stesse amministrazioni ;
* Dlgs 267/2000(testo unico sulle Autonomie Locali: l’art.10 stabilisce il diritto di accesso e di informazione su tutto l’operato degli organi comunali e dell’amministrazione;l’art. 38,comma7 stabilisce che le sedute del Consiglio sono pubbliche salvi i casi stabiliti dal regolamento del funzionamento del Consiglio; l’art.42 stabilisce le attribuzioni del Consiglio ed elenca una serie di atti fondamentali dello stesso Consiglio rispetto ai quali non si prevedono trattamento dei dati sensibili.

La registrazione è doverosa se si considera che la legislazione sopra citata è orientata a supportare tutto ciò che può contribuire a rendere “trasparente” e “pubblica” l’azione amministrativa e politica. Come si possono quindi considerare ”non pubbliche” (o riservate) le sedute del Consiglio quando delibera il bilancio, il piano regolatore urbanistico, i regolamenti comunali, nomine, partecipazioni o costituzioni di società, di consorzi, ecc. ? Tutte le attribuzioni del Consiglio portano a sostenere che le sedute devono essere pubbliche e che quindi non ci sono ostacoli alla registrazione audio video delle stesse sedute.

Quali dati personali di queste sedute possono creare problemi alla “privacy” dei consiglieri o dei cittadini che partecipano alle sedute? Nessun dato personale: si tratta di consiglieri eletti e quindi di soggetti che operano nella veste di pubblici ufficiali. La registrazione audio video delle sedute ha valore legale se archiviata e firmata con firma digitale secondo quanto stabilito dal codice dell’amministrazione digitale: quindi la seduta digitale costituisce essa stessa atto pubblico. E’ inutile ricorrere alla normativa sulla tutela dei dati personali (ad eccezione dei dati sensibili) per non permettere la registrazione delle sedute consiliari: le sedute consiliari non hanno come oggetto dati personali sensibili (se ci dovessero essere si provvede ad oscurare tali dati).

Qualche suggerimento all’amministrazione comunale di Tuscania (ma ciò vale per tutti i comuni):

* Registrare tutte le sedute consiliari in ragione delle attribuzioni di cui all’art.42 del dlgs 267/2000;
* Archiviare le stesse sedute digitali secondo le norme tecniche di cui al codice dell’amministrazione digitale.
* Pubblicare sul sito dell’ente le sedute registrate del consiglio
* Permettere ad altri soggetti (diversi dai consiglieri) che partecipano ai consigli di registrare le sedute. Questi soggetti sono tenuti a pubblicare le sedute in modo integrale, senza manipolazioni o commenti che possano arrecare pregiudizio nel trattare dati personali in modo illecito e non corretto.
* Modificare il regolamento del funzionamento delle sedute del consiglio nel senso di quanto sopra indicato.
* L’obbligo di trasparenza e di pubblicità nella società dell’informazione comporta per il sindaco e per tutti i consiglieri comunali una maggiore attenzione alle sedute consiliari (attenta preparazione per le questioni all’ordine del giorno; usare un linguaggio chiaro e comprensibile in quanto le sedute saranno registrate; utilizzare documenti e supporti che possano garantire la chiarezza, la comprensibilità, la completezza di informazione nella seduta; regolamentare le sedute nel rispetto dei principi della pubblicità, della trasparenza e delle sedute digitali. Il Comune è la casa di tutti e quindi deve essere una casa di vetro.

prof. Donato Antonio Limone

Annunci

  1. Ciao Ale, spero che questo possa contribuire a sbloccare la situazione vergognosa che impedisce di dare massima trasparenza sui “contenuti” delle sedute del consiglio di zona!!! E ora, tutti muniti di webcam!!.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...